È inutile negarlo: nel 2019 la fotografia è diventata una costante all’interno delle nostre vite grazie agli smartphone, alle reflex/mirrorless digitali e al ritorno delle macchine istantanee. Ma cosa riesce a far la differenze tra un fotografo professionista ed una foto qualsiasi?

Se un tempo la discriminante per diventare un fotografo era il costo dell’attrezzatura e le varie difficoltà tecniche dovute anche e soprattutto allo sviluppo analogico, oggi questo muro è stato abbattuto.

Quanto ci vuole per imparare la tecnica? 1 o 2 mesi.
Quanto costa l’attrezzatura base? Meno di 700€.

Ed ecco alla domanda cruciale: perché rivolgersi ad un professionista?

Credo che la differenza sostanziale tra un fotografo professionista e tutto il resto del mondo stia nell’occhio fotografico.

Ossia?

Non parlo di talento o robe simili, ma di una caratteristica che richiede tempo ed esperienza: ed entrambe le cose non sono acquistabili.

Un fotografo professionista è una persone che VIVE di fotografia a 360°, questo gli permette di avere degli input costanti che possono ispirarlo e che alimentano la sua creatività.

Se dai un’occhiata alle fotografia di una persona che si sta affacciando in questo bellissimo mondo fatto di gattini, fiori e tanti, tanti, paesaggi; troverai degli scatti molto simili, seppur fatti da persone diverse. Questo perché solo negli anni si affina la comprensione della scena e la scelta di soggetti, composizioni, punti di vista che riescono a dare il giusto tocco professionale allo scatto.

Un fotografo famoso sosteneva che i tuoi primi 10 mila scatti sono da buttare: AVEVA RAGIONE!

Invece in una recente intervista Oliviero Toscani (non sai chi è? OMG clicca qui) parlava delle sfide dei fotografi in quest’era digitale, facendo un interessante parallelismo con la scrittura:

Tutti sappiamo scrivere, quanti di noi sono scrittori?

È anche da questa riflessione che possiamo comprendere la vera differenza tra chi vive di fotografia e chi sa fotografare. Quanti di quelli che sanno fare una foto tecnicamente corretta vivono di fotografia quotidianamente? Quanti di quelli che sanno scrivere un testo grammaticalmente corretto, scrivono libri per mestiere?

Il fatto che tutti sappiano fare una fotografia non è un problema, anzi, è uno stimolo a potersi confrontare con tantissime persone su questo mezzo di comunicazione. Siamo di fronte ad una rivoluzione nel mondo delle immagini e non possiamo che sfruttarla per diventare dei professionisti migliori, allontanando le solite lamentele di chi non ha voluto rimanere al passo con i tempi.

La VERA sfida nel 2019 è diventare un AUTORE, non una semplice persona che scatta fotografie, non una semplice persona che ha imparato a scrivere. Un autore, in grado di raccontare storie efficaci, emozioni, tramite le immagini o qualsiasi altra forma d’arte.


Ti è piaciuto il post?

Se non vuoi perderti tutti i nuovi contenuti del blog, i video tutorial, i post dedicati alla post-produzione e alla fotografia, seguimi su Instagram cliccando sul pulsante qui sotto!